Macchia nera sul pene

Una macchia nera sul pene può capitare agli uomini in tutto il mondo. Ecco perché, molti si sono interessati a comprendere di cosa si tratta.

I punti neri sul pene possono essere causati da fattori diversi ed essere curati usando prodotti differenti tra loro.

In generale, le macchie che compaiono sul pene possono essere descritte come un sintomo cutaneo che si manifesta sia in condizioni patologiche che in condizioni non patologiche.

Ovviamente, determinare che sia presente o meno una patologia è importante per riuscire a risolvere il problema nella maniera giusta.

Le macchie nere sul pene, così come anche le bolle, sono un’alterazione della pelle dell’organo genitale maschile.

Tra i fattori più comuni che portano a questo problema, c’è sicuramente l’uso intenso di detergenti intimi.

Altre cause che portano alla formazione di queste lesioni cutanee sul pene possono essere:

A parte la masturbazione, le altre sono infezioni difficili da trattare e che possono essere trasmesse per via sessuale. Se si nota qualcosa di strano sul proprio membro è consigliabile recarsi da uno specialista.

Questo procederà con un’analisi visiva delle macchie per comprenderne i colori e le consistenze, oltre a verificare la presenza di:

Un’analisi preventiva che può, però, rivelare molto sulla problematica.

L’aspetto del pene, offre precise indicazioni su quelle che possono essere le cause scatenanti.

Cosa indica una macchia nera sul pene circolare

Una macchia nera circolare sul pene è un fenomeno epidemico non inusuale che, se non nasconde patologie specifiche, si risolve in pochissimo tempo.

In linea di massima, è possibile affermare che la comparsa di un’alterazione pigmentaria peniena non è una problematica allarmante. Non per questo, però, gli uomini restano indenni ad alcune preoccupazioni sul loro stato di salute.

Questo è il motivo per cui, la prima cosa che si raccomanda, è di rivolgersi subito a uno specialista. In questo modo si potrà avere la soluzione giusta alla problematica.

Si tratta di un problema trasversale, che può colpire soggetti diversi con abitudini diverse e può essere comune a uomini maturi e ragazzi.

Queste macchie possono essere considerate al pari dei brufoli sul pene. Capirne la natura, permette, comunque, di affrontare la il tutto in maniera mirata.

Cause delle macchie nere sul pene

In base alle cause scatenanti, le macchie si manifestano sotto diverse forme. Tra i fattori determinanti più comuni è possibile menzionare:

La pratica della masturbazione è comune a uomini e donne, anche se in molti lo nascondono.

Masturbarsi troppo, potrebbe essere causa della comparsa di queste macchie. Occorre, quindi, non stressare il membro per qualche giorno, per far sparire il tutto.

Allo stesso modo, una scelta sbagliata dei detergenti intimi, può essere causa della comparsa dei punti neri. Anche in questo caso, lo stress a cui si sottopone questa parte del corpo è notevole e una sua risposta negativa è plausibile.

Anche la scarsa igiene intima è un altro fattore della comparsa di punti neri sul pene.

Cause correlate e sintomi dei punti neri sul pene

Le cause menzionate in precedenza sono molto comuni e causano spesso la comparsa di una macchia nera gonfia sul pene. Altre cause sono:

La balanopostite è un’infiammazione del glande che può interessare anche il prepuzio. Tra le cause di tale infiammazione ci sono batteri, virus e funghi.

Inoltre, è possibile assistere a un deficit del sistema immunitario che potrebbe essere dovuto a dermatite da contatto o infezioni sessualmente trasmissibili. In questi casi, invece dei punti neri, si possono notare dei punti rossi o delle pustole.

Anche l’herpes è un’infezione che in genere si contrae con rapporti non protetti. In questo caso, le macchie sono di colore rosso, ripiene di liquido che se scoppiano possono essere causa di desquamazione.

Altra causa della comparsa di macchie sul pene è la sifilide, un’infezione che si trasmette sessualmente ed è causata dal treponema pallidum. In questo caso, i punti neri sul pene rappresentano l’inizio dell’infezione e prendono il nome di sifiloma.

Le macchie sul pene, in tal caso, sono dei veri e propri noduli dal colore rosso, duri al tatto e che si trasformeranno presto in ulcere.

Infine, c’è la scabbia, un’altra malattia infettiva causata però dall’acaro sarcoptes scabiei hominis. Questa infezione è davvero contagiosa e colpisce sia le pieghe della pelle che le superfici flessorie. In questo caso, le macchie sul pene si presentano come delle papule, quindi, delle chiazze rilevate.

Perché vengono le macchie nere sulla pelle del pene

Come detto in precedenza, le macchie nere nella zona del pene non sono tutte uguali. In primo luogo, una differenza molto importante dipende dalla causa.

Le differenze sono tante nel caso in cui le macchie siano dovute a un eccessivo sfregamento, ovvero a una qualunque infezione.

Una delle varianti di queste macchie sono le papule. Nello specifico, queste sono delle lesioni che compaiono a livello della pelle e proprio per questo non si mostrano lisce al tatto, ma piuttosto spesse. Nonostante ciò, la papula non contiene materiale liquido.

Proprio questo loro aspetto è ciò che le contraddistingue dalle vescicole.

Queste ultime, si presentano con un certo spessore, piene di pus e di liquido. Anche in questo caso, è importante comprendere cosa ha determinato la loro comparsa. In alcuni casi, la causa potrebbe essere l’eccessivo sfregamento, ma esse possono essere anche segno della presenza di un’eruzione cutanea dovuta a:

È sconsigliato ricorrere ai rimedi casalinghi, ed è raccomandabile chiedere il parere di un esperto, in grado di dire come procedere.

Macchia nera sul pene: cosa fare

Come succede per una qualsiasi manifestazione corporea, è importante consultare subito uno specialista.

A volte, il sintomo più semplice può essere segnale di una seria problematica su cui intervenire in maniera specifica. Anche le macchie sul pene, devono essere controllate da un esperto per poter essere certi di escludere qualsiasi tipo di problematica.

Lo stesso vale per i brufoli sul pene e per altre manifestazioni simili.

Complicazioni principali della macchia nera sul pene

In base a quelle che sono le cause che portano alla formazione dei punti neri sul pene, possono presentarsi diversi sintomi.

Ad esempio, le macchie che escono sul pene possono accompagnarsi anche al prurito. Questo è tipico delle macchie causate dalla scabbia, dalla psoriasi e dall’herpes genitale.

Altre macchie portano, poi, anche a dolore. Tale evenienza si realizza per le macchie scure sulla pelle del pene causate dalla sifilide, dalla balanopostite e dalla balanite.

Ancora, alcune macchie possono portare a una perdita di liquido, ovviamente in seguito alla loro rottura. Questo avviene specialmente con le vescicole tipiche dell’herpes genitale.

Le macchie sul pene, possono anche uscire in altre zone del corpo. Questo è comune quando si soffre di patologie più che di disturbi sessuali, come la psoriasi inversa, la sifilide, la scabbia e l’herpes genitale.

Anche la febbre può associarsi alle macchie nere che compaiono sul pene, specialmente se sono il frutto di un’infezione.

Le macchie devono essere tenute in osservazione da un medico. Questo, specialmente quando si ha il dubbio che siano causate da un’infezione sessualmente trasmissibile o di altro genere.

Per capire quando c’è un’infezione in corso, è necessario fare attenzione ad alcuni sintomi come, ad esempio, la febbre. Infine, per quanto riguarda le complicazioni di queste macchie, queste possono comparire quando il problema non è trattate in modo corretto.

Le altre macchie che possono comparire sul pene

Una macchia nera sul pene è, quindi, una manifestazione che appare sulla pelle che può essere di natura diversa.

Queste, possono essere anche delle papule oppure delle vere e proprie ulcere.

Generalmente, queste macchie sono causate da circostanze non troppo preoccupanti.

Nella maggior parte dei casi, esse si presentano per via di abitudini scorrette.

Ci sono dei casi in cui si manifestano sull’organo genitale maschile per via di condizioni morbose. Pertanto, si tratta di situazioni da trattare con una speciale terapia medica.

In base al fattore che porta alla manifestazione di queste chiazze scure sul pene, esse possono apparire in modo diverso.

Si possono notare delle chiazze piane, quindi che non sporgono, che hanno un colore rossastro e sono abbastanza ravvicinate. In altri casi, invece, c’è la presenza di piccole vescicole dal colore rosso e ricche di liquido.

In questo caso, le piccole vescicole sono destinate a scoppiare, rilasciando tutto il proprio contenuto e trasformandosi in delle chiazze ricche di squame.

Ci sono anche dei noduli rossastri, con una consistenza dura e che si trasformano in ulcere multiple o singole. Da non sottovalutare, poi, le chiazze rosse rilevanti, le protuberanze vere e proprie e le placche rosse, lisce e lucide.

In merito alla posizione di tali manifestazioni cutanee, è possibile dire che possono comparire su ogni parte del pene. Spesso, le macchie scure sul glande possono presentarsi anche sulla corona del glande o sul prepuzio.

Soluzioni per eliminare del tutto i punti neri sul pene

Quindi, nel caso in cui si dovesse notare la presenza di una macchia nera sul pene è il caso di recarsi al più presto da uno specialista. Quando si nota un’anomalia di tale genere, è possibile che non sia sintomo di nulla di preoccupante. Ma c’è una piccola probabilità che sia un campanello di allarme per qualcosa di più grave.

In ogni caso, la maggior parte delle volte, le macchie nere sul pene possono essere facilmente risolte. Spesso, sono dei semplici traumi dovuti a uno sfregamento eccessivo, altre volte è sufficiente cambiare detergente.

Si raccomanda, comunque,  di intervenire il prima possibile. Solo conoscendo quelle che sono le cause si potrà procedere con il trattamento corretto.

Se hai già fatto tutti i controlli suggeriti dal tuo medico curante o dall’andrologo di fiducia, forse hai appurato che si trattava solo di un piccolo disturbo passeggero.

Sentiti, quindi, pronto per riprendere la tua vita sessuale in armonia e concediti una piccola sferzata di energia utilizzando gli integratori sessuali Virgostill!

Ovviamente, calcola prima quelli che sono i fattori di rischio, soprattutto in presenza di un’eruzione cutanea o di una infiammazione del glande.